News Recenti

CONVEGNO - Feed for art: M-O-D-U-S - Venezia 6 ottobre 2017

Data: 19/9/2017

 

Venerdì 6 ottobre alle ore 16.30 a Palazzo Ca’ Faccanon, si terra il convegno Feed for Art: M-O-D-U-S organizzato da F/ART e dedicato alla cultura espressiva del neon nelle sue diverse declinazioni e prospettive d’impiego nel contesto del mondo dell’Arte Contemporanea, del Design, della Comunicazione e dell’Architettura.


 L’evento avrà luogo nelle sale di Palazzo Ca’ Faccanon a Venezia, prestigiosa sede della rassegna “Modus.Tecniche, poetiche, materiali nell’arte contemporanea”, Evento Collaterale della 57a Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia, a cura di Martina Cavallarin ed Eleonora Frattarolo, che vede F/ART fra i suoi sponsor ufficiali. 


Il convegno, che vedrà fra i relatori anche i rappresentanti dell’A.I.F.I.L. (Associazione Italiana Fabbricanti Insegne Luminose), sarà l’occasione per presentare il nuovo corso dell’Azienda e la sua volontà di interpretare un ruolo attivo e referenziato a supporto e favore di mostre, progetti ed eventi selezionati, espressi da autori e realtà di eccellenza nell’ambito dell’Arte e del Design legate alla cultura ed alla tecnologia del neon. 


Inoltre, nell’occasione, è prevista la visita alla mostra in compagnia delle curatrici e, in particolare, all’installazione “ToutVa” del duo artistico Marotta & Russo, prodotta da F/ART.






Aggiornamento sulla marcatura CE per le strutture metalliche delle insegne.

Data: 8/9/2017

Dal 1° luglio 2014 è obbligatoria la norma armonizzata EN 1090-1 per l’immissione sul mercato degli elementi strutturali in acciaio e alluminio in Italia e in Europa. 


La direttiva europea 89/106/CEE (direttiva prodotti da costruzione) ha introdotto l’obbligo di marcatura CE per la produzione e commercializzazione di ogni materiale da costruzione, destinato a essere incorporato o installato in maniera definitiva nel costruito. 


Le strutture metalliche per le insegne – come totem e display grafici a LED – ricadono nell’ambito di applicazione di questa direttiva. 

Tutti i produttori di strutture in acciaio e alluminio, che sono già tenuti obbligatoriamente al rispetto degli specifici requisiti previsti per il comparto degli acciai per carpenteria metallica (§11.3.4.10 del DM 14.01.2008), devono prevedere, per i propri prodotti e stabilimenti produttivi, anche l’implementazione della EN 1090-1 ai fini della marcatura CE. 




Ambito di applicazione 



Rivolgendosi alle aziende che immettono sul mercato prodotti metallici strutturali, la norma EN 1090-1 ha un campo di applicazione piuttosto vasto e comprende componenti in acciaio e in alluminio utilizzati in diversi tipi di opere – capannoni, intelaiature per edifici residenziali o uffici, ponti in acciaio e calcestruzzo, viadotti, tralicci, stadi, grandi spazi espositivi. 


Gli elementi possono essere utilizzati direttamente nelle opere o essere incorporati nelle stesse dopo essere stati assemblati. La norma si applica sia alla produzione in serie che non. 

Ne consegue che, per differenziare i requisiti tecnici a seconda della complessità dei componenti, la norma introduce quattro classi di esecuzione, con requisiti tecnici via via più stringenti, a partire dalla classe 1 per le opere semplici – con rischi moderati legati a eventuali collassi – fino alla classe 4, che si riferisce a strutture particolarmente complesse con importanti implicazioni riguardo la sicurezza. In linea generale, il fabbricante è tenuto a implementare un sistema di controllo del processo di produzione di fabbrica (FPC) e a effettuare prove in conformità alla norma armonizzata di riferimento. 


La conformità di tale sistema di controllo (Factory Production Control) deve essere poi certificata da un organismo notificato. Al termine di questo percorso, il fabbricante può apporre sul prodotto la marcatura CE. 


Ai sensi della norma EN 1090-1, la marcatura CE è quindi costituita da una dichiarazione di prestazione redatta dal fabbricante e da un certificato di conformità del controllo di produzione in fabbrica emesso dall’organismo notificato. 


Secondo la norma, le organizzazioni che realizzano strutture saldate, o parti di esse, in acciaio o in alluminio, devono eseguire tali attività in accordo alle parti rilevanti delle norme della serie UNI EN ISO 3834. 


Per quanto riguarda i requisiti di costruzione richiesti, i riferimenti sono le norme EN 1090-2 per le strutture in acciaio e EN 1090-3 per quelle in alluminio. I requisiti per la valutazione di conformità per tutte le tipologie di strutture sono definiti secondo uno standard unico. 


Le norme di progettazione e calcolo sono stabilite nelle rispettive sezioni degli eurocodici serie 3 e serie 9. 





Una corsia preferenziale per le insegne 


AIFIL, attraverso ESF – Federazione Europea –, ha intrapreso una revisione degli eurocodici volta a evitare che alle insegne siano applicati vincoli troppo restrittivi, con il rischio di un inutile sovra-dimensionamento delle strutture metalliche. 


A tale scopo, alla norma europea saranno allegati i regolamenti nazionali, inclusi la mappa della sismicità, la classificazione delle zone secondo la ventosità, il carico neve.  


In questo modo saranno rispettati i vincoli nazionali vigenti e, al tempo stesso, ridotti costi delle strutture nel rispetto della sicurezza.






Dalla rivista Wide di Stratego Group un resoconto dell'evento AIFIL

Data: 8/9/2017

Le giornate romane di AIFIL, per discutere dell’insegna 4.0


Del presente e del futuro delle insegne luminose in Italia – sotto il doppio profilo della semplificazione burocratica, auspicata da tempo dagli operatori del settore, e dei progressi nell’ambito della sostenibilità ambientale – si è ampiamente discusso durante il convegno annuale di AIFIL – Associazione Italiana Fabbricanti Insegne Luminose, svoltosi a Roma presso la sede della CNA Nazionale lo scorso giugno. 


Una location la cui scelta non è stata casuale: AIFIL e CNA hanno recentemente siglato un rapporto di affiliazione che le vedrà fare fronte comune e collaborare sulle questioni di maggiore attualità e urgenza nel settore delle insegne luminose, a partire da tutto ciò che riguarda la tutela degli associati fino all’impegno nel dialogare con le istituzioni per intervenire su iter burocratici ancora troppo complicati e onerosi. Circa un centinaio sono stati i partecipanti, tra insegnisti e operatori del settore, ma anche fornitori di tecnologie, provenienti da tutta Italia.




Parola d’ordine: semplificazione 


Intitolato “Insegna 4.0, tra semplificazione amministrativa e sostenibilità ambientale”, il convegno di AIFIL e CNA si è focalizzato sui due temi dell’aspetto normativo e della questione ambientale. 


È stato Marco Capozi, responsabile relazioni istituzionali di CNA, a sottolineare che, grazie al lavoro di confronto e collaborazione svolto con le istituzioni, sono stati compiuti dei passi in avanti importanti. 

“Con la procedura SCIA, introdotta con la riforma Madia lo scorso dicembre, è stato semplificato tutto l’iter di richieste di autorizzazione per l’installazione delle insegne e sono stati aggiunti strumenti di controllo che prima non c’erano. Si tratta di un primo passo, ma è un risultato concreto e le novità inserite impattano in modo significativo sull’attività di installazione delle insegne d’esercizio”. 


Che cosa è cambiato con la riforma Madia? 

Tra gli aspetti più rilevanti, la definizione di una modalità più snella per effettuare le istanze, con un unico interlocutore pubblico e tempi certi per la conclusione dei procedimenti. In base al nuovo regime, per installare un’insegna luminosa di esercizio è sempre indispensabile il rilascio dell’autorizzazione espressa da parte del SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) competente. 


Alla presentazione dell’istanza di autorizzazione, il SUAP deve rilasciare una ricevuta, che costituisce la comunicazione di avvio del procedimento, e attivarsi per convocare entro cinque giorni la conferenza di servizi al fine di acquisire le autorizzazioni necessarie da parte degli altri enti coinvolti entro 40 giorni. 

Decorso tale termine, lo sportello unico deve comunicare l’esito della procedura all’interessato. “La sfida che abbiamo di fronte è impegnativa, ma l’attuazione della riforma Madia rappresenta uno step importante. 


E se siamo trazione. riusciti a ottenere questo risultato è stato grazie al confronto e alla collaborazione con AIFIL e CNA”, ha sottolineato Silvia Paparo, direttore dell’ufficio per la semplificazione amministrativa e presente al convegno in rappresentanza delle istituzioni. “Guardando al presente, il Governo si impegna ad assicurarsi che i provvedimenti vengano attuati e, per ottenere tale risultato, a promuovere la circolazione delle informazioni fra gli enti territoriali interessati”. 




Focus ambiente 


È stato Fausto Martin, delegato europeo ESF, ad affrontare la questione della sostenibilità ambientale, che rappresenta un altro dei focus dell’attività di AIFIL. In particolare, Martin si è concentrato sul tema dell’etichettatura energetica. 


“L’esigenza sentita da AIFIL di istituire un’etichetta energetica per le insegne prende spunto da alcuni segnali che si stanno manifestando a tutti i livelli, da quello europeo a quello locale”.


La proposta dell’Associazione è di creare una sorta di etichetta 4.0, ispirata nel concept e nella grafica a quella – nota e familiare – degli elettrodomestici, che descriva tutte le caratteristiche energetiche delle insegne. 

E che abbia carattere multimediale: attraverso un QR code sarà infatti possibile collegarsi al website dell’azienda. “Stiamo lavorando già da qualche anno al progetto e intendiamo proseguire su questa strada perché siamo convinti che i vantaggi sarebbero molteplici”. A livello ambientale, l’etichetta energetica permetterebbe, secondo Martin, di tracciare le insegne efficienti energeticamente, rendendole visibili a tutti. 

A livello di associazione, un’iniziativa di questo tipo potrebbe portare ad AIFIL l’interesse delle aziende del settore nonché una buona reputazione ambientale, oltre a favorire i rapporti con la pubblica amministrazione




11 luglio 2017 - Il Direttivo AIFIL - Associazione Fabbricanti Insegne Luminose a colloquio con la Ministra Marianna Madia

Data: 17/7/2017

Roma 11.07.2017 

Il Direttivo AIFIL - Associazione Fabbricanti Insegne Luminose - a colloquio con la Ministra Marianna Madia per consultazione sulla semplificazione dell'iter burocratico autorizzativo. 


L'Associazione Italiana Fabbricanti Insegne Luminose, a conclusione di un lungo e difficoltoso lavoro di scritti e colloqui e con la collaborazione della CNA, ha ottenuto di inserire nella riforma Madia alcune semplificazioni relative alle procedure amministrative quali la certezza dei tempi delle risposte dei Comuni e su procedure ricadenti nella paesaggistica per la posa di insegne di esercizio, semplificazioni che daranno a tutta la categoria la possibilità' in alcuni casi di una presentazione più snella delle istanze. 


Tale rilevante risultato ha evidenziato l'importanza del progetto di affiliazione con la CNA aumentando e supportando di fatto le argomentazioni portate al Ministero per la Semplificazione e della Pubblica Amministrazione. 


La Ministra Marianna Madia ha ricevuto presso il ministero in data 11 luglio 2017 il Consiglio Nazionale AIFIL, con il presidente Alfio Bonaventura promotore di questa iniziativa, i vicepresidenti Gianluca Masullo e Vitaliano Mantovani e i componenti delle segreterie territoriali di: Lombardia Mario Acerbis - Triveneto delegata Marisa Graziati - Piemonte ,Liguria e Valle d'Aosta Luca Gallo Stefanino - Emilia Romagna, Toscana e Marche Francesco Papini - Umbria, Lazio, Abruzzo e Sardegna Emanuele Angher – Campania, Molise, Basilicata e Puglia Giovanni Battaglino. 


Durante l'incontro il dibattito è stato canalizzato sulla non recepibilità, totale in alcuni casi e parziale in altri, delle nuove norme da parte dei Comuni. 


C’è stata quindi una presa d'atto decisa della Ministra Madia che ha confermato l’intenzione di controllare e monitorare la situazione instaurando un indirizzo e-mail al quale l'Associazione può segnalare le Amministrazioni inosservanti l’adeguamento della norma emanata.

Strumento questo mai adottato fino ad ora e che fa ben sperare l'intera categoria che dovrà comunque essere parte attiva del controllo trasmettendo tempestivamente le segnalazioni in modo che il Ministero possa individuare velocemente i Comuni inadempienti e quindi inviare ispettori per il controllo e per imporre l’osservanza della norma. 


Tutto ciò è stato presentato dalla Ministra Marianna Madia con forza e determinazione e il Direttivo AIFIL ha posto i ringraziamenti a nome di tutta la categoria per la legge emanata e per la disponibilità e cortesia dimostrata. 


Prima di terminare l'incontro sono state esposte alcune importanti iniziative che l'Associazione promuoverà' nei prossimi mesi come una mostra d’arte con opere al neon realizzate da artisti contemporanei in occasione della Biennale di Venezia ottenendo dalla Ministra Madia l'assicurazione della sua presenza all'evento. 

Al temine ci sono stati i saluti di rito e le foto di gruppo. 


Fuori dal Ministero il gruppo AIFIL ha incontrato anche l'Onorevole Chiara Braga già' ospitata a Torino nel giugno 2016 in occasione della 48ª Assemblea Nazionale AIFIL e del convegno sulla certificazione energetica, ulteriore progetto che AIFIL sta cercando di far approvare al Ministero dell'Ambiente. 

Anche l'Onorevole Chiara Braga ha confermato la Sua intenzione a partecipare alla manifestazione inserita nelle Biennale di Venezia.

Tirando le somme questo invito al Ministero si è' rivelato estremamente utile e costruttivo per la ns. categoria ponendo un nuovo tassello per gli obiettivi che AIFIL si è' prefissata. 


Un saluto da 

Vitaliano Mantovani Vicepresidente AIFIL 


cliccare sul seguente link per vedere alcuni momenti dell'incontro con la Ministra Marianna Madia 


 AIFIL 10 luglio 2017 incontro a roma con Ministro Madia







EVENTO ROMA 2017 - RINGRAZIAMENTO DELLA PRESIDENZA

Data: 23/6/2017

Il Presidente Alfio Bonaventura e i Vicepresidenti Gianluca Masullo e Vitaliano Mantovani, componenti della nuova Presidenza AIFIL, desiderano ringraziare di cuore quanti hanno partecipato al Convegno e alla 49ª Assemblea Nazionale AIFIL svoltisi il 16 e 17 giugno u.s. a Roma presso la sede CNA. 


Abbiamo apprezzato il vostro impegno a presenziare segno tangibile che ritenete fondamentale che l’Associazione ritorni ad essere importante e presente nel difendere gli interessi della nostra categoria. 


Il Convegno è stato molto interessante poiché ci ha permesso di rafforzare i legami instaurati con le Istituzioni e la CNA e ciò ci fa ben sperare per il futuro, e nell’ l’Assemblea si è sentito l’apprezzamento per il lavoro svolto finora dalla Presidenza uscente avvalorando all’unanimità il bilancio dell’anno trascorso e il bilancio preventivo dell’anno in corso. 


Questo è sintomo che con un po’ di rigore e precisione nel gestire la parte economica dell’Associazione e pur partendo da una situazione molto difficile, si può far bene. 


L’impegno della nuova Presidenza è nel segno della continuità, vale a dire continuare nella gestione accurata ma anche di coinvolgerVi maggiormente con comunicazioni più mirate e interessanti e comunque volgere uno sguardo anche su nuove strategie che possano mettere in risalto l'AIFIL affinchè si possano acquisire nuovi consensi e magari nuovi soci ( impegno ambizioso). 


Come di consueto durante l’Assemblea annuale AIFIL viene decretata la sede della prossima Assemblea e in toto è stata scelta la “dotta” Bologna. 

Perché Bologna? 

Perché il prossimo anno cade il 50° anniversario della costituzione della nostra Associazione e dato che è nata proprio a Bologna quale città è migliore di essa per festeggiare! 


Con la disponibilità ed interessamento manifestati dai rappresentati dell’Emilia Romagna non può che essere un sicuro successo e vi invitiamo sin d’ora ad intervenire numerosi. 

Per un maggiore coinvolgimento in assemblea è stato presentato un nuovo gruppo di Consiglieri che possano contribuire con idee, proposte e suggerimenti a migliorare la vita associativa. 


Abbiamo molto apprezzato che in questa Assemblea si siano manifestati alcuni giovani Soci che stimolati hanno dimostrato un notevole interesse a far parte attiva dell’Associazione. 

Intendiamo dunque ascoltare e valorizzare le giovani leve perché diventino linfa vitale per AIFIL con l’apporto di tutto il loro entusiasmo e dinamicità. 


Dal connubio “esperienza degli anziani” e “idee fresche dei giovani” non potranno che nascere solo cose positive. Alleghiamo al presente sunto della 49ª Assemblea Nazionale AIFIL alcune foto che l’hanno caratterizzata. 


Tra queste spicca la consegna alla Direzione della CNA dell’opera fatta fare ad hoc dall’artista torinese Laura Ambrosi, opera che ha riscosso un grande apprezzamento da parte del Direttore Divisione Economica Sociale CNA Dott. Claudio Giovine. 


Vogliamo ancora ringraziare veramente tanto le Aziende che con la loro sponsorizzazione ci hanno sostenuto nella riuscita dell’evento ed è ns. dovere ricordarle: 


Verbax, M&M, Neon Lauro, Neon Luce, Emmepi, Neon Europa, Eliosneon, Ferrara Neon, Condor Pubblicità, CMN Group, Brivitello Design, Neon Angher, Luminor - Insegne led, Myliteled, Gruppo Sanfilippo, Eurmoma, APA, Coman, Gamma Production, Scaiplex, Planet-Plastic. 


Tutte loro credono nell’Associazione ed hanno fiducia che torni ad essere il punto fisso di riferimento per la tutela e difesa degli associati. 


Concludiamo dicendovi che ci metteremo tutto il ns. impegno per riuscire a fare un buon lavoro e cominceremo con il cercare di aumentare la comunicazione e l’informazione fra i soci. 


A tutti Voi, nella speranza che possiate apprezzare sempre di più l’Associazione, un caloroso saluto dalla Presidenza. 



 Alfio Bonaventura - Gianluca Masullo - Vitaliano Mantovani.

 

Cliccate sui seguenti link per scaricare le foto dell'evento: 


foto 

foto 1

foto 2 

foto 3

foto 4

foto 5 

foto 6 

foto 7

foto 8

foto 9